Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: I Draghi e gli Alti

  1. #1
    Newbie
    Data Registrazione
    01/11/2018
    Messaggi
    13

    Exclamation I Draghi e gli Alti

    - Orecchie a punte ti dimentichi il resto!- diceva il rozzo venditore di pozioni all'indirizzo di Randir.

    - Tenetelo- con tono freddo e distaccato fu la risposta a quella voce sguaiata e provocatoria.

    Così si ritrovava nella piazza di fronte la banca nella cittadina di Yew, poco distante dalla capitale. Una grande nube continuava a coprire il Sole, mentre sotto i piedi la terra continuava a tremare. Nulla di tutto ciò era normale o naturale. Dopo il lungo sonno molte cose erano cambiate per il ramingo, non solo le sue capacità e conoscenze arcane ma soprattutto le lunghe ricerche svolte su di quelle creature a lui tanto care che sono i draghi, andate forse perdute, forse per sempre. Alcuni dei tomi che aveva scritto nei quasi 180 anni lontano dalla splendente Wind li aveva ritrovati, alcuni persino da qualche rigattiere a buon mercato.

    - Rozzi ed ignoranti - pensò tra sè e sè disgustato.

    Sarebbe stata una giornata soleggiata non fosse stato per la nube oscura. E mentre muoveva i propri passi verso l'uscita della piazza, un fratello di cui non ricordava il volto gli si parò di fronte, il cui nome gli suonava nuovo. Parlarono per poco tempo ma la conversazione rimase ardente nella mente dell'elfo a lungo dopo essere finita.

    -Principi dei Draghi- ripensava scuotendo appena la testa. -Mai possibile?-
    Nei lunghi anni di ricerca ne aveva sentito parlare ma si era ormai convinto che fossero dicerie inventate dagli umani per mitizzare la sua razza. Mai un suo simile gliene aveva parlato e mai come in quell'occasione era sembrata una storia plausibile.

    Con eleganza, contrastante con le vesti bruciate sui bordi dai soffi di drago che aveva combattuto, prese il più recente dei tomi che aveva scritto. Soffiò via la poca polvere che vi si era creata e lo aprì con delicatezza. Vecchio di più di 70 anni ma con le copertine in scaglie di drago ancora perfette e lucenti. Era il tomo riguardante la sua teoria sua nascita dei Wyrm e di come queste creature, spesso fraintese, fossero invece fortemente legate al popolo degli Alti e al credo di Exon.

    -E da quel sangue, unito alle ceneri, il primo Wyrm prese corpo [...] - le labbra appena socchiuse leggevano mentre un dito seguiva il rigo.

    Pensieroso, chiuse il tomo e lo ripose lì dove lo aveva preso poco prima.

    Aveva detto -Vediamoci a Wind, dove ci sono meno orecchie indiscrete- aveva detto andando via il fratello prima di allontanarsi.

    Adesso era tornato ed era intenzionato a saperne di più. Tempi cupi aleggiano sulle terre di Sosaria, e neanche più la Splendente è sicura. -Il popolo degli Alti ha bisogno di saperne di più e di trovare appoggio anche fuori i propri confini- Quest'ultimo pensiero non gli piaceva affatto.

    Si alzò ed uscì verso i giardini in attesa di reincontrare quella fonte ora tanto preziosa.

  2. #2
    Newbie
    Data Registrazione
    01/11/2018
    Messaggi
    13

    Re: I Draghi e gli Alti

    Erano passate molte lune da quando aveva avuto l'ultima occasione di dedicarsi alla lettura.
    Quel tomo così vecchio lo fissava da tempo senza mai avere il tempo per leggerlo.
    Gli eventi si erano succeduti molto rapidamente: i gargoyle, la nube, i demoni, il concilio di Wind, la nomina ad apprendista presso Ariax,
    i vari tentativi di unire tutte le razze in un unico piano per sconfiggere la minaccia dei demoni.
    Tutto era successo molto rapidamente e le sue ricerche erano state trascurate. Altre priorità.
    Era tornato alle grotte di Destard e aveva trovato un piccolo accesso lontano dal pericolo di incombere in incontri troppo ravvicinati con i Wyrm
    che vivevano le profondità di quelle terre ma sufficientemente vicino per poterli studiare.
    Sapeva che la propria magia al momento non era sufficiente per confrontarsi con quelle creature e che avrebbe dovuto trovare un'altra maniera per avvicinarli.
    Avrebbe aspettato tempi più favorevoli per proseguire. Adesso era importante studiarli e tornare a conoscerli come una volta.
    Dopotutto, erano lune che non vedeva un fratello Alto o un guerriero passare da quelle parti.
    Wind sembrava deserta, la Capitale degli umani abitata solo dai commercianti.
    Chissà che ci fosse stato un esodo di cui nessuno lo aveva messo al corrente. Poco importava, la minaccia per Sosaria rimaneva incombente e
    forse un'altra soluzione risiedeva nelle sue ricerche.

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •