Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Member
    Data Registrazione
    03/12/2018
    Messaggi
    64

    La fredda luce dell abisso; Cronache di Ariax : forzare il destino

    Era una di quelle giornate in cui la pioggia incessante pulisce l aria e facilita il respiro, ma quei lampi che squarciavano il cielo e quelle scosse che ancora muovevano Sosaria non rendevano il clima piacevole.
    Diversi giorni erano passati dall' avvento dei Gargish, e molto era cambiato.
    Ariax, Felal e Randir si erano riuniti nella sede degli Ered Nimrais per confrontarsi sul futuro.
    Il Bladesinger era in compagnia dei Drow, e di luinon si aveva piu alcuna notizia, e di certezze sul suo ritorno non se ne avevano.

    "Fratelli, vi ringrazio per aver risposto celermente alla mia chiamata, sarò breve giacchè il tempo è tiranno." esordì Ariax.
    I due annuirono e ascoltarono:
    "Fei, il nostro stimato fratello continua a essere in compagnia dei Drow, e per quanto possa essere stata una sua volontaria decisione, non sappiamo nulla di quanto sta avvenendo li nell Underdark. Oltre a preoccuparmi seriamente, questa decisione ci ha lasciato con un vuoto che si rende indispensabile colmare.".
    Il tono era pacato fermo e solenne, scandito solo dal suono dei lampi che strappavano il cielo, accompagnato dall incessante sottofondo della pioggia battente.
    "In considerazione del nostro statuto, e considerando la situazione attuale propongo di eleggere un nuova guida per la nostra gilda; l elezione avverà tramite votazione dichiarata qui ed ora, in modo da rispondere tempestivamente ai futuri eventi, e alla situazione che ci circonda.".
    I tre elfi discussero sugli eventi, e su come rispondere alla crescenti minaccie esterne, e alla fine raggiunsero un verdetto indiscusso: Ariax era la nuova guida di Ered Nimrais.
    Per quanto la votazione fosse unanime, in pieno stile EN, con una sola voce, alcuni dubbi erano stati sollevati dall fidato amico di Ariax, Felal.
    Egli temeva che esporre Ariax a un simile ruolo lo avrebbe reso un bersaglio ambito, e che ne avrebbe minato la stessa sicurezza e la possibilità di agire come meglio riteneva.
    "Amico mio, nulla devo temere finchè avro voi al mio fianco." fu la conclusione di Ariax.

    Ariax guardò i due, e sorridendo dolcemente disse "Felal, amico mio, occupati di controllare lo stato delle nostre milizie, e poi rivolgiti a Eeyia, e dagli disposizioni affinchè creari il numero di armature necessario a equipaggiare ogni nostro fratello di lucente rubino, se è vero che questi demoni prediligono magie di fuoco, è certamente vantaggioso avere una maggiore protezione dalla fiamma. Ora và Amico mio".
    Felal annui e si congedò,e partì, galoppando veloce, piu veloce dei dubbi che lo attanagliavano..

    Si rivolse poi a Randir, e parlò anche a lui:
    "Randir, riguardo a te, vorrei che tu diventassi il mio apprendista, ci sono segreti che è ora comincino ad appartenerti, incanti che posso insegnarti e compiti che necessitano di essere svolti. Non sarà facile, ma se intendi dare il tuo contributo, sarò felice di passarti tutta la mia conoscenza, addestrarti ed equipaggiarti per gli imminenti eventi che ci attendono.
    Non voglio che tu mi risponda ora, riflettici per questa notte, e poi torna da me con una risposta. Ora và fratello, schiarisci la tua mente e poi torna da me."


    Randir sorrise e anch egli si congedò, andandosene piu lentamente, quasi portasse in sè il peso di una grande responsabilità che non era sicuro appartenergli.

    Ariax infine si affacciò alla finestra della sede degli Ered Nimrais, e guardando fuori rivolse i suoi pensieri al Bladesinger..
    Ovunque fosse, andava trovato.
    Ultima modifica di dave; 02-01-2019 alle 05:04
    Ariax- Mago di Wind

  2. #2
    Newbie
    Data Registrazione
    01/11/2018
    Messaggi
    13

    Re: La fredda luce dell abisso; Cronache di Ariax : forzare il destino

    -..schiarisci la tua mente e poi torna da me- queste erano state le ultime parole di Ariax. Forti e continue risuonavano nella sua mente. Era il momento, dopo tanti anni di ricerche e vita da eremita, di decidere cosa fare. Decidere di dimostrare che sarebbe stato all'altezza di tale incarico. I dubbi si accavallavano nella sua mente mentre faceva ritorno alla biblioteca della città. Tante cose stavano cambiando e molte altre sarebbero cambiate. La sua mente fredda e calcolatrice adesso si trovava di fronte ad una delle decisioni più importanti da prendere.
    Una scossa più forte del solito, la solita nube ad oscurare il cielo.
    In quel momento le sue idee si schiarirono come di colpo. Non c'era nulla da decidere, nulla su cui riflettere. Aveva passato tutta la vita preparandosi per il momento in cui sarebbe stato utile alla causa della Splendente. Senza dubbio alcuno avrebbe accettato quell'incarico. La possibilità di accrescere la propria conoscenza, apprendere quei segreti di cui parlava Ariax. Lo avrebbe fatto per sé ma soprattutto per la città.

    Una volta giunto alla biblioteca i pensieri erano tornati fluenti ma si prese lo stesso altro tempo per ponderare a mente fredda tutte le possibilità.
    Con un movimento elegante della mano prese una pergamena, una piuma e con poche parole comunicò la propria decisione.

    -
    Lord Ariax,
    vi ringrazio per l'opportunità che mi avete offerto.
    Sarà dunque per me un onore poter essere
    vostro apprendista.
    Non appena vorrete sarò pronto ad iniziare.
    Randir Ramaloke
    -

    Era giunto il momento di dimostrare che meritava quell'incarico.
    Era la cosa che la Splendente richiedeva in quel momento.
    E Randir non si sarebbe tirato di certo indietro.

    Legò la pergamena alla zampa di una fenice di cristallo appena evocata e le sussurrò la destinazione.

    Aveva preso la sua decisione ed era pronto ad accettarne le conseguenze.

  3. #3
    Newbie
    Data Registrazione
    07/12/2018
    Messaggi
    19

    Re: La fredda luce dell abisso; Cronache di Ariax : forzare il destino

    Felal si diresse immediatamente alle caserme della milizia, dopo aver chiamato a raccolta i comandati diede subito istruzioni.
    Gli ordini erano semplici, aumentare il numero delle guardie di ronda, intensificare gli sforzi negli addestramenti, nel reclutamento e ovviamente, tenersi pronti all imminente battaglia.
    Non c'era bisogno di dirlo, la milizia era ben addestrata e capace, infatti, nessuno osò mettere in discussione gli ordini e una volta congedati si diressero immediatamente ai loro compiti.
    Finito alla caserma, risalì sul suo destriero e si diresse verso l'officina, dove sapeva di trovare Eeiya, intento a lavorare il metallo come solo lui sapeva fare.
    Lo avvisò che era stato dato ordine di creare 50 armature complete in rubino da fornire alle truppe della fenice per l'imminente battaglia.
    Eeiya era conscio dell'urgenza, fece un gesto di assenso e mostrò a Felal un armatura completa in rubino già pronta.
    Felal passò la mano sulla corazza finemente lavorata, con le dità senti il tepore sprigionato da quel raro minerale e con piacere, come era certo di sentire, nessuna imperfezione.
    L'Elfo si congedò e mentre se ne andava sentì un clangore di mazza e metallo, Eiya si era gia messo all'opera.
    Infine si diresse nella sua dimora, prese da un cassetto una piccola valigetta di legno bianco, la mise nella sacca e si diresse nuovamente nella sede dell'ordine, sapeva che Ariax, come nuovo capo gilda, sarebbe stato molto impegnato ma sapeva anche che avrebbe sicuramente trovato del tempo per lui.
    Diede informazione alla guardia all'entrata di chiedere udienza, e come c'era da aspettarsi, la guardia tornò dopo pochi attimi e fece cenno di entrare.
    Dopo essere entrato e essersi accertato che nessuno fosse all'ascolto, Felal si rivolse ad Ariax.
    Ariax annuì, la proposta di Felal era in perfetto accordo con le attuali esigenze, così prese il braccialetto, e congedò Felal, lasciandolo ai preparativi per la missione.
    Se ce ne fosse stato bisogno, i due ora, erano legati l'un l’altro da quel potente manufatto.
    Ultima modifica di Senpai; 02-02-2019 alle 14:18

  4. #4
    Newbie
    Data Registrazione
    07/12/2018
    Messaggi
    19

    Re: La fredda luce dell abisso; Cronache di Ariax : forzare il destino

    La conversazione durò pochi minuti, Ariax si trovava perfettamente d'accordo con il piano di Felal, che fu approvata all'istante.
    Assegò Randir come supporto, le sue conoscenze e abilità sarebbero state essenziali.
    Ariax diede l'ordine di procedere con la missione.
    Appena i preparativi furono ultimati, i due si incontrarono fuori dai boschi di Wind e si diressero immediatamente all'isola di Avatar.
    02-03-2019 23.24.37.jpg
    Arrivati decisono di avvicinarsi quanto più possibile alla cittadella dei demoni senza farsi notare, Felad diede ordine a Randir di usare una magia di occultamento su se steso e di attendere il suo ritorno.
    Si diresse silenziosamente fino alle mura della cittadella senza essere notato, la quantità di demoni presenti era smisurata, un'attacco frontale era fuori discussione.
    Tornò da randir e gli spiegò come avrebbero proceduto.
    La ricerca durò alcuni giorni e dovettero accamparsi in una zona sicura per la notte, quando le attività dei demoni si facevano più intense.
    02-03-2019 23.27.17.jpg
    Infine eccolo, un Demone di Duoco isolato dagli altri, anche se circondato da diversi Demoni minori, sembrava farne a capo.
    02-03-2019 23.30.30.jpg

    Appena li notò, il demone grugnì qualcosa di incomorensibile e subito i suoi subordinati partirono alla carica.
    Felal si mise di fronte a Randir e con il suo scudo e la sua spada attutì la prima ondata di demoni.
    Subito, dalle dita di Randir, partirono scariche di fulmini che colpirono e incenerirono i demoni che cercavano di passare oltre e quelli che non crollavano al suolo venivano attaccati dalle sue fenici evocate.
    Si fecero avanti a colpi di spada e magia, finchè l'ultimo dei Demoni minori cadde.
    A quella vista il Demone di Fuoco infuriato si lanciò anch'esso allattacco.
    02-03-2019 23.30.54.jpg
    La battagli imperversò per alcune ore, Felal, durante il combattimento, analizzava scupolosamente ogni movimento del demone
    02-04-2019 16.11.56.jpg
    e con grande abilità non gli permetteva di avvicinarsi a Randir, che indisturbato, continuava senza sosta a scagliargli contro tutto quello che aveva.
    Quando il demone ferito notò di non poter sopraffare i due, decise di scappare.
    Fu un madornale errore, non appena gli voltò le spalle, per darsi alla fuga, Felal fece un balzo in avanti e gli conficcò la spada fra le due enormi ali, fino a trapassargli il torace.
    Con un ultimo urlo, il demone cadde al suolo, privo di vita.
    02-03-2019 23.33.53.jpg
    Randir dovette sbrigarsi ad analizzare il corpo del demone, perche il suo urlo ne aveva allertati altri, e in lontananza si sentivano gia rumore di alberi che cadevano a battiti di ali in avvicinamento.
    51588438_2125665550813670_2400758543754985472_n.jpg
    Una volta ultimato le analisi, Randir aprì un portale e i due vi entrarono prima ancora che i demoni avessero il tempo di capire cosa fosse successo.
    Tornati alla splendente si sarebbero subito diretti a fare rapporto ad Ariax su quello che avevano scoperto.

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •