Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Newbie
    Data Registrazione
    01/11/2018
    Messaggi
    13

    Missiva per Re Feathin di Edheldor

    All'attenzione di Sua altezza Re Feathin,


    chi Vi scrive è Randir Ramaloke, ambasciatore della città di Wind e membro dell'Ordine di Ered Nimrais.
    Con animo greve Vi scrivo poiché siamo giunti a sapere del recente avvistamento di Demoni nei pressi della città di Edheldor
    e dei rischi che questo rappresenta per il Vostro popolo. E per tutti i popoli di Sosaria.
    Conscia della forza militare del Vostro popolo e delle Vostre capacità nel guidarlo, Wind sarebbe onorata di offrirVi il miglior supporto
    in campo militare e di conoscenza
    di cui dispongono per combattere l'imminente minaccia che ci troviamo ad affrontare.
    Wind, qualora Vostra Altezza lo riterrà opportuno, metterà a Vostra disposizione i suoi migliori guerrieri, dotati di armature in grado di resistere
    al fuoco di questi demoni e le migliori armi incantate dai nostri fabbri.

    Chiedo la Vostra regale concessione ad aggiungere le nostre truppe alle vostre.

    Wind e il popolo degli Alti unanime non si sottrarrà all'impegno preso.

    Io, come tutto l' Ordine, attenderò con speranza una Vostra risposta.

    Possano gli Dei guidare i nostri passi.


    Randir Ramaloke

    Una volta finito di scrivere, come di consueto, evocò una fenice di cristallo. Le sussurrò il destinatario come stesse parlando con un pari. Riponeva in quella pergamena tutta la propria speranza.

  2. #2
    UOSupremacy Staff L'avatar di GM Chardros
    Data Registrazione
    05/11/2018
    Messaggi
    120

    Re: Missiva per Re Feathin di Edheldor

    Il saggio Raeg aveva appena finito di conferire col suo Re per discutere riguardo gli ultimi accadimenti che avevano visto le coste di Edeldhor sotto attacco.

    I demoni alla fine avevano inziato la loro ascesa e si stavano preparando per assaltare la città elfica. Ogni aiuto sarebbe stato ben accetto, anche se la magia elfica avrebbe protetto la città.
    Lo stesso Quokrel stava donando forza alle sue sacerdotesse, Lady Ulia, per prima.

    Così prese pergamena e calamaio e in calligrafia quenya per dimostrare rispetto e gratitudine scrisse:

    <<Il mio Re accetta il vosto aiuto, in previsione di nuovi patti e nuove alleanze.
    Che gli dei siano con noi.>>

    Poi consegnò la lettera alla guardia e chiese se potesse portarla a wind
    Ultima modifica di GM Chardros; 02-11-2019 alle 22:25

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •